0
0
0

Fiore di campo - scegli un puzzle da risolvere

Un fiore selvatico (o fiore selvaggio) è un fiore che cresce in natura, il che significa che non è stato intenzionalmente seminato o piantato. Eppure i prati "wildflower" di poche specie miste sono venduti in pacchetti di semi. Il termine implica che la pianta probabilmente non è né una ibrida né una cultivar selezionata che sia in qualche modo diversa dal modo in cui appare in natura come pianta nativa, anche se cresce dove non sarebbe naturale. Il termine può riferirsi alla pianta in fiore nel suo complesso, anche quando non è in fiore, e non solo al fiore. "Wildflower" non è un termine esatto. Termini come specie native (presenti nella zona, vedi flora), specie esotiche o meglio introdotte (non presenti in natura nell'area), di cui alcune sono etichettate come specie invasive (che competono con altre piante - native o no ), importati (introdotti in un'area deliberatamente o accidentalmente) e naturalizzati (introdotti in un'area, ma ora considerati dal pubblico come nativi) sono molto più accurati. Nel Regno Unito, l'organizzazione Plantlife International ha istituito il "County Flowers scheme" nel 2002, per il quale membri del pubblico hanno nominato e votato per un emblema di fiore selvaggio per la loro contea. L'obiettivo era diffondere la consapevolezza del patrimonio delle specie autoctone e della necessità di conservazione, poiché alcune di queste specie sono in pericolo. Ad esempio, Somerset ha adottato il Cheddar Pink (Dianthus gratianopolitanus), London the Rosebay Willowherb (Chamerion angustifolium) e Denbighshire / Sir Ddinbych in Galles il raro Limestone Woundwort (Stachys alpina).